ESPERIENZE DI VIAGGIO SORPRENDENTI

DI NATURA
E AVVENTURA

NATURA E AVVENTURA

La Ciclovia dei Parchi attraversa longitudinalmente la regione Calabria sulla dorsale appenninica interessando un’area protetta vasta circa 350.000 ettari con un patrimonio paesaggistico, di biodiversità, di endemismi vegetali ed animali, davvero straordinario. Con lo sguardo aperto al paesaggio, pedalata dopo pedalata, qui si ritrova il respiro autentico della natura e allo stesso tempo si gode di panorami emozionanti e maliosi che dai boschi fitti e le foreste, attraversando borghi ricchi di storia, si aprono d’improvviso alla luce aurorale delle colline coltivate che guardano il mare. Percorsi di bellezza diffusa che la mobilità dolce rende palpabile agli occhi di chi desidera conoscere luoghi inesplorati e vivere esperienze intense e avventurose, in uno spazio dell’anima in cui perdersi.

centro storico di Serra San Bruno

STORIA E FEDE

La Calabria è una regione lambita dal Mediterraneo con l’Appennino nel cuore. Una terra ricca di risorse naturali e perciò abitata sin da tempi remoti e da sempre crocevia di popoli diversi che qui hanno lasciato segni tangibili tanto nel paesaggio quanto nella lingua e nella cultura. Una storia di ibridazioni che la Ciclovia dei Parchi fa toccare con mano lungo i sentieri appenninici che attraversano borghi, luoghi di culto, siti di interesse storico e monumentale. 

ARTE E CULTURA

Primo approdo alla penisola italica dai mari del Sud, la Calabria è una terra al centro tra oriente e occidente che custodisce straordinari tesori frutto della lunga e costante influenza tra popoli e genti provenienti tanto dal bacino del Mediterraneo quanto dal nord dell’Europa. Sono tesori che si svelano in maniera sorprendente lungo i percorsi della Calabria interna che la Ciclovia attraversa, soprattutto in quei borghi e paesi che sembrano resistere alla forza del tempo offrendo testimonianze d’arte ed esperienze culturali diffuse e dalla bellezza imprevista.

ENOGASTRONOMIA E TRADIZIONI

Terra fertile e ricca d’acqua, la Calabria presenta una straordinaria varietà di prodotti agroalimentari, molti dei quali legati ai paesaggi montani e collinari dei Parchi attraversati dalla Ciclovia. In ciascun borgo o paese che si incontra vi sono piatti legati alla storia delle comunità che qui si sono insediate, incontrate e integrate nel corso dei secoli, a partire dai sentieri della transumanza, viatico di scambi continui tra montagna e pianura, tradizioni alimentari e lingue. Una varietà che vede primeggiare ortaggi, frutta, cereali, legumi, olio extra vergine di oliva, alla base della vera dieta mediterranea che qui è di casa da sempre come hanno dimostrato gli studi condotti da Ancel Keys a Nicotera nel 1957, sul rapporto tra benessere, alimentazione e stile di vita, e quelli più recenti di Walter Longo che ha individuato a Molochio, paese di ultracentenari, i segreti della longevità.

LE MERAVIGLIE DEI PARCHI

COSE DA NON PERDERE

  • LAGO DELL’ANGITOLA

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    L’oasi naturalistica del lago dell’Angitola è una delle riserve naturali su lago artificiale più importanti del mediterraneo. Il lago, creato nel 1966 sul vecchio alveo del fiume Angitola e dai torrenti Nia e Reschia, venne vincolato come oasi di protezione con D.P.G.R. n. 557 del 12/05/1975. È l’unica area Ramsar, zona umida d’importanza internazionale, della regione Calabria.

  • ENOGASTRONOMIA E PRODOTTI TIPICI

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    Le aree del Parco offrono prodotti legati alla tradizione pastorale e contadina come capocolli, soppressate e salumi con peperoncino e finocchietto. Tipici i pappaluni, grandi fagioli aspromontani coltivati nelle fasce medio-alte del parco. Il clima aiuta anche la coltivazione delle prelibate patate d’Aspromonte. Famoso è il caciocavallo di Ciminà, così come le ricotte ed il Pesce Stocco, da sempre popolare nelle zone interne della Calabria.

  • CENTRO VISITE “MUSEO BOTANICO DELLO ZOMARO”

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    Posto nell’area centro-nord del Parco, all’interno del comune di Cittanova, a circa 1.000 m di quota, è una struttura destinata ad attività didattiche e divulgative sulle peculiarità floristiche aspromontane. Il Centro è attrezzato con un erbario di circa 200 esemplari di flora aspromontana, con pannelli illustranti i paesaggi del Parco, con modelli didattici di cellule, di piante, di parti di piante utili per le attività di studio, nonché con una LIM interattiva multimediale.

  • MATTIA PRETI

    Parco Nazionale della Sila

    Mattia Preti, detto il Cavalier Calabrese, nacque a Taverna nel 1613. Giunse a Roma agli inizi degli anni Trenta del Seicento, entrando in contatto con la pittura di Caravaggio e dei caravaggisti. Nel 1661 l’artista si stabilì a Malta dove, come pittore ufficiale dei Cavalieri dell’Ordine, fu impegnato nella decorazione della cattedrale di S. Giovanni a La Valletta con Storie del Battista e nella realizzazione di numerose tele per le chiese dell’isola.

  • GAMBARIE E OSSERVATORIO PER LA BIODIVERSITÀ

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    Gambarie, località montana del Comune di Santo Stefano in Aspromonte, ubicata a 1.350 metri s.l.m., nel cuore del Parco Nazionale dell’Aspromonte, è un’importante stazione turistica invernale, famosa per le piste, gli impianti di risalita, l’ambiente naturale ed i suggestivi paesaggi. L’Osservatorio per la Biodiversità, posto in località Cucullaro, è una struttura concepita per diffondere la conoscenza della flora, della fauna, degli habitat e degli ecosistemi dell’Aspromonte.

  • FERRIERE DI MONGIANA

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    Nate nel 1771 sotto il regno di Ferdinando IV di Borbone, le ferriere di Mongiana furono utilizzate per la produzione bellica oltre che nel campo dell’ingegneria civile. Dai Suoi altiforni uscirono i ponti in ferro sospesi sui fiumi Garigliano (Ponte Real Ferdinando) e Calore (Ponte Maria Cristina) e le rotaie della prima ferrovia italiana, Napoli-Portici.

  • RISERVA NATURALE BIOGENETICA “I GIGANTI DI FALLISTRO”

    Parco Nazionale della Sila

    La Riserva Naturale situata in località Fallistro nel territorio di Spezzano della Sila e nelle vicinanze di Croce di Magara, si estende per circa 5 ettari e il suo bosco presenta pini secolari, alcuni dei quali superano i 40m di altezza, a difesa di una filanda che risale al XVII secolo, posta nelle vicinanze. Oltre ai 53 esemplari di pino laricio “giganti”, troviamo esemplari di faggio, acero montano e pioppo bianco.

  • IL VILLAGGIO DI SILVANA MANSIO

    Parco Nazionale della Sila

    Il villaggio di Silvana Mansio, sorto negli anni ’30 nel comune di Casali del Manco e posto a quota 1470 m di altitudine, è senz‘altro uno dei posti più belli della Sila, perché è riuscito a conservare nella sua interezza l’habitat naturale, consentendo la costruzione al 90% di baite in legno dal sapore quasi fiabesco perfettamente inserite nel contesto di un bosco di circa 100 mila mq.

  • Flora e Fauna

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    La flora del territorio del Parco è composta da circa 1.500 specie. In alcune aree è presente la Woodwardia radicans, relitto del Terziario.  Recentemente la faggeta di Valle Infernale è stata candidata ad entrare nella rete delle faggete vetuste UNESCO. Grande la ricchezza faunistica. Fra i mammiferi ricordiamo: lupo, gatto selvatico, driomio, scoiattolo meridionale, martora, tasso, lepre e capriolo italico. Tra i rettili è presente la testuggine di Hermann, mentre tra gli anfibi si segnalano la salamandrina dagli occhiali e l'ululone appenninico

  • SANTUARIO DI SANT’UMILE

    Parco Nazionale della Sila

    Il Santuario di Sant’Umile, conosciuto come “Convento la Riforma”, è stato fondato dal Beato Pietro Cathin, inviato da San Francesco d’Assisi. Il portale, che risale al XV secolo, sormontato dallo stemma dei Principi Sanseverino, conduce nella navata centrale che culmina nell’abside, su cui è posta la scultura lignea di Gesù Crocefisso, opera di Frate Umile da Petralia e risalente al 1637 (anno della morte di Sant’Umile).

  • IL SANTUARIO MARIANO DI SANTA MARIA DEL BOSCO

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    Il santuario Mariano di Santa Maria del Bosco prende il nome dalla chiesa di Santa Maria, che si erge al centro di giganteschi abeti bianchi, dove il fondatore dell’Ordine certosino, faceva penitenza e fu sepolto. Un laghetto artificiale rievoca i momenti di preghiera solitaria del santo taumaturgo.

  • LUNGRO - LA MONTAGNA E I SUOI ABITANTI

    Parco Nazionale del Pollino

    Il territorio montano di Lungro ricade nel versante dei cosiddetti “Monti dell’Orsomarso” ed è ricoperto da estese faggete che sopra i 1000 metri si mescolano ai pini neri o al più raro pino loricato. Tra la ricca fauna del luogo troviamo il capriolo autoctono, conservatosi in questo lembo del meridione d’Italia grazie alla conformazione del territorio e alla presenza di estese ed intricate foreste.

  • CASCATE MUNDU E GALASIA

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    Il paesaggio che circonda laghetti limpidi e salti d’acqua tra rocce granitiche con strette gole, è caratterizzato da una ricca vegetazione composta da querce, lecci, faggi, grosse liane di vitalba e da rare varietà di felci, tra le quali la felce gigante bulbifera (Woodwardia radicans). Il torrente produce salti d’acqua di notevoli dimensioni, come la suggestiva cascata Mundu e, più in cima, la cascata Galasia.

  • Camigliatello

    Parco Nazionale della Sila

    Camigliatello Silano situato a 1.300 m s.l.m., è tra le località della Sila a maggiore vocazione turistica, durante tutte le stagioni. Dispone di un moderno impianto di risalita per lo sci alpino, al servizio dell’utenza invernale ed estiva, che permette la risalita dalla stazione situata in località Tasso fino alla stazione di Monte Curcio a 1786 m s.l.m.

  • MUSEO DELLE SERRE

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    A Monterosso è situato anche il “Museo Multimediale delle Serre Calabresi”, dove è possibile ammirare tramite documentazione fotografica, composta da immagini d’epoca, la flora e la fauna, il territorio, l’urbanistica, l’architettura; la società, il lavoro, l’alimentazione e il quadro dialettale.

  • BIRDWATCHING

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    L’Aspromonte è uno dei luoghi privilegiati per osservare gli uccelli migratori, all’estremità meridionale della penisola. Rappresenta una sorta di trampolino per decine di migliaia di rapaci diurni e cicogne che, dopo aver nidificato in Europa, devono superare lo Stretto, diretti a Sud per andare a svernare in Africa. Dal 2010 il Parco monitora e studia le migrazioni post-nuziali. Gli appassionati di birdwatching per osservare la migrazione hanno a disposizione una altana di 4 metri situata nei piani d’Aspromonte.

  • BASILICA DEL BEATO ANGELO D’ACRI

    Parco Nazionale della Sila

    La costruzione della basilica iniziò nel 1893 grazie al lavoro di Guido Quercioli e terminò nel 1898. All’interno si contano dodici cappelle gentilizie, in quella centrale è disposta l’urna interamente di bronzo e vetro, che ospita il corpo ricomposto del Santo, l’interno della basilica è affrescato con scene che raffigurano i miracoli del Santo. La cupola è alta 32 metri con due torri e con campane bronzee rivestite di rame.

  • CERTOSA DI SERRA SAN BRUNO

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    La Certosa di Serra San Bruno è il primo monastero certosino d’Italia, il secondo di tutto l’Ordine, e sorge in un pittoresco bosco alla periferia di Serra San Bruno. Il cenòbio fu eretto tra il 1090 ed il 1101 da Brunone di Colonia, fondatore dell’Ordine dei certosini e della Grande Chartreuse vicino a Grenoble.

  • LAINO CASTELLO

    Parco Nazionale del Pollino

    Con la dicitura ‘Laino Castello vecchio’ si è soliti indicare quello che oggi resta dell’antico abitato posto sullo stesso colle dove, secoli prima, i Longobardi fondarono la loro imprendibile fortezza della quale permangono solo i ruderi. Tuttavia il borgo presenta ancora resti di porte, torri e fortificazioni tipiche dell’impianto medievale.

  • CENTRO VISITA CUPONE

    Parco Nazionale della Sila
    Il Centro Visita, sorto a seguito dell’adattamento degli spazi adiacenti all’antica segheria demaniale e dei plessi accessori, oggi è un centro di educazione ambientale con sentieri naturalistici, osservatori faunistici, museo e giardino geologico. La vicina area attrezzata per pic-nic lungo il lago Cecita, fa del Centro una delle zone più frequentate del Parco Nazionale della Sila.
  • IL CENTRO VISITE MUSEO DELL’ACQUA E DELL’ENERGIA

    Parco Nazionale della Sila

    Il Centro Visite Museo dell’Acqua e dell’Energia si trova in località Trepidò, nel comune di Cotronei, in provincia di Crotone. Nasce grazie ad un intervento di riqualificazione ambientale di un’area e di recupero edilizio di un preesistente fabbricato. Nel Museo i temi trattati, “i temi trattati, i temi trattati, attraverso tecnologie multimediali e interattive,, sono le ricchezze idriche e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabile.

  • MORANO CALABRO: DOLCI PASCOLI E PRODOTTI CASEARI

    Parco Nazionale del Pollino

    La Felciata (in dialetto moranese ‘a filicèta) prende il nome dalle felci da cui riceve il suo straordinario aroma e viene consumata appena fatta, anche calda. È prodotta con latte di capra nel periodo estivo, quando i pascoli conferiscono al latte il meglio in aromi, profumi e sapori. Per la sua prelibatezza gli abitanti del luogo la chiamavano Pane degli Angeli.

  • CENTRO SERVIZI DEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO

    Parco Nazionale del Pollino

    Il Centro Servizi di Castrovillari è allocato nello storico Palazzo Gallo. La location rende ancora più prestigiosa questa struttura dove è stata anche realizzata una sala immersiva attraverso la quale si potrà godere lo spettacolo di immagini che descrivono il Parco in tutti i suoi aspetti, da quello naturalistico a quello storico-culturale, da quello sportivo alla filiera dell’enogastronomia.

  • CIPPO DI GARIBALDI

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    Nel comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte, a 7 Km da Gambarie, una secolare pineta conserva ancora il gigantesco albero al quale si appoggiò il generale Giuseppe Garibaldi, ferito il 29 agosto 1862, e custodisce il Mausoleo voluto dai cittadini per onorarne le gesta. Il Mausoleo perpetua la memoria dello sbarco dei Mille e delle Camicie Rosse, capeggiate dall’eroe dei due mondi, avvenuto nel 1862. Un cippo indica il punto esatto dell’approdo.

  • LORICA (SAN GIOVANNI IN FIORE)

    Parco Nazionale della Sila

    Lorica è un villaggio turistico che sorge sulla larga valle del lago Arvo in Sila Grande. Ricade in due comuni della provincia di Cosenza: San Giovanni in Fiore e Casali del Manco. La frazione si trova a 1314 metri s.l.m. . All’interno nel suo territorio si possono praticare diverse attività sportive, dal canottaggio sul lago allo sci alpino sul Monte Botte Donato (1929 m).

  • TIRIOLO

    Parco Nazionale della Sila

    Tiriolo si erge sul poggio che segna il displuvio tra la valle del fiume Amato sul versante tirrenico e quella del fiume Corace sul versante ionico. Fu fondato dai greci e deve il suo nome Tryoros ai 3 monti che lo circondano, da qui si possono ammirare due mari, il Tirreno e lo Jonio, nelle giornate più terse persino le isole Eolie.

  • IL MUSEO DELLA MEMORIA FERRAMONTI DI TARSIA

    Parco Nazionale del Pollino

    Ferramonti fu il più grande campo di concentramento fascista italiano dove furono internati ebrei, antifascisti e profughi politici. Nel 2004, presso il sito è stato inaugurato Il Museo della Memoria Ferramonti di Tarsia con l’intento di conservare concretamente l’identità e la memoria storica, nonché di preservare e diffondere il patrimonio storico del campo di concentramento.

  • RISERVA LAGO DI TARSIA

    Parco Nazionale del Pollino

    La Riserva del Lago di Tarsia è un’importante area umida posta lungo il corso del fiume Crati con un numero consistente e diversificato di specie di pesci. La Riserva offre ospitalità e rifugio a molti uccelli migratori. Notevole è anche la presenza di alcuni rapaci diurni come il nibbio bruno nidificante e il falco di palude.

  • MUSEO DI SAN SOSTI

    Parco Nazionale del Pollino

    Il museo “Artemis” dei 56 comuni del Parco Nazionale del Pollino ha sede in San Sosti (CS), porta sud-occidentale dell’area protetta. È ospitato all’interno di un antico carcere medievale, in uso fino al duemila come casa mandamentale. Fu restaurato con fondi dell’Ente Parco e presenta mostre archeologiche a tema.

  • TAVERNA

    Parco Nazionale della Sila

    Taverna, la cui fondazione risale al IX sec., è situata tra gli alvei dei fiumi Alli e Litrello. All’interno del Museo Civico sono ospitate, oltre ai dipinti di Mattia Preti, opere d’arte contemporanea con artisti del calibro di Ercole e Lia Drei, Francesco Guerrieri e Carmelo Savelli. Numerosi sono i complessi monastici e i palazzi nobiliari presenti nel borgo: il Convento di San Domenico, il palazzo Gironda-Veraldi, l’Abbazia di Santa Maria di Peseca e i ruderi della Torre di Guardia.

  • MORMANNO: BOCCONOTTO

    Parco Nazionale del Pollino

    Che gli si dia forma ovale (la più diffusa) oppure rotonda o a canestrello, è un vero piacere per il palato sentire la gustosa frolla del Bocconotto di Mormanno che si scioglie in bocca lasciando spazio all’ottimo ripieno che può variare in base ai gusti e alla creatività dei pasticceri ed alle preferenze dei consumatori.

  • MONTEROSSO CALABRO

    Parco Naturale Regionale delle Serre

    Il nome Monterosso deriva dalla presenza in zona di una miniera ferruginosa adoperata per tinteggiare i tessuti. È sede di una importante museo della civiltà contadina (3000 pezzi) che rappresenta l’anello di congiunzione tra la cultura degli avi e quella delle giovani generazioni.

  • VILLAGGIO MANCUSO

    Parco Nazionale della Sila

    Villaggio Mancuso nasce nei primi decenni del XX secolo, come centro di villeggiatura per i cittadini del Catanzarese, in una delle aree più pregiate della Sila. Si sviluppa nell’areale dei monti Femminamorta e Gariglione. Sono presenti le tipiche casette in legno a listelli bianco e neri, che ricordano le baite svizzere ora accompagnate da alberghi ed attività ricreative.

  • MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

    L’edificio del Museo Nazionale della Magna Grecia custodisce i Bronzi di Riace, tra le testimonianze più significative dell’arte greca classica: due statue bronzee raffiguranti due uomini nudi, originariamente armati di scudo e lancia, divenuti simbolo della città di Reggio Calabria. Il Museo, realizzato tra il 1932 ed il 1941 e tra i più rappresentativi di quel periodo storico, accoglie una vasta esposizione di reperti provenienti da tutta la Calabria.

  • GEOPARCO

    Parco Nazionale dell’Aspromonte

     Il GeoParco Aspromonte è candidato alla Rete Mondiale dei Geoparchi UNESCO con i suoi 89 geositi censiti, di cui 8 di valenza internazionale. Importante componente del paesaggio geologico aspromontano sono le cosiddette “Pietre” , modellate dagli agenti atmosferici, che si presentano come dei monumenti naturali, tra cui quelle più spettacolari sono: Pietra Cappa (monolite tra i più grandi d’Europa), Pietra Lunga, Pietra Castello, Rocce di San Pietro, Rocca del Drako e Caldaie del latte.

  • LA CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA

    Parco Nazionale del Pollino

    La Chiesa di San Giovanni Battista a Acquaformosa, fu edificata agli inizi del XVI secolo dai primi profughi albanesi. All’interno l’edificio è composto da tre navate quasi interamente rivestite da un meraviglioso mosaico in oro, il cui valore va ben oltre quello dei materiali preziosi di cui è costituito ed è provvista di iconostasi, la parete decorata di icone che divide l’altare dal resto della chiesa.

    Filter All Routes
    Contest fotografico/video

    CALABRIA EMOTION PICTURES

    Il Contest è finalizzato a raccogliere le esperienze vissute in prima persona dalla community Facebook e Instagram lungo il tracciato della Ciclovia dei Parchi della Calabria. Partecipa e inviaci immagini e video di paesaggi, incontri, personaggi, luoghi, tipicità enogastronomiche, storie che ti hanno particolarmente colpito nel tuo viaggio.

    • Come partecipare
    • Premialità
    • Durata
    • Come partecipare

      Per inviare foto e video occorre leggere e accettare il regolamento e compilare il modulo di partecipazione disponibile al link che segue. Per eventuali richieste di informazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

    • Premialità

      Ogni trenta giorni gli autori delle foto e dei video più votati sui canali Facebook e Instagram della Ciclovia riceveranno la t-shirt e la borraccia ufficiali.

    • Durata

      L'edizione 2021 del Contest si apre il 15 marzo e si conclude il 30 novembre.

    Contest 2021

    Newsletter

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    © Ente Parco del Pollino | All rights reserved.